V Giornata Mondiale di Preghiera e Riflessione contro la tratta

01
Feb

Celebriamo questo anno la V edizione della Giornata Mondiale di Preghiera e Riflessione Contro la tratta di persone (GMPT) che ha come tema: “Insieme contro la tratta”.

La definizione della tratta internazionalmente riconosciuta si trova nel Protocollo delle Nazioni Unite per prevenire, reprimere e combattere la tratta delle persone, soprattutto delle donne e dei bambini: “La tratta di persone include il reclutamento, il trasporto, il trasferimento, il dare alloggio o il ricevere presone, mediante la minaccia, l’uso della forza o di altre forme di coercizione, il rapimento, la frode, il raggiro, l’abuso di potere o di una posizione di vulnerabilità, mediante il dare e il ricevere pagamenti o benefici per avere il consenso di persone che hanno il controllo su altre persone, ai fini dello sfruttamento…”

La “tratta di persone” oggi riguarda di fatto ogni nazione. Le donne e i bambini sono le vittime principali e vengono trafficati soprattutto per lo sfruttamento sessuale. È una delle attività criminali più redditizie e cresce rapidamente, come il traffico di droga e armi. Data la natura clandestina del fenomeno, è difficile fare statistiche, ma disponiamo di stime attendibili. Le ultime stime pubblicate dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL) nel 2014 affermano che nel mondo ci sono circa 21 milioni di persone in situazione di traffico di persone.  Si stima che ogni anno vengano trafficate da 700.000 a 2.000.000 di persone. La maggior parte delle vittime è originaria dell’Asia. La prima edizione della Giornata Mondiale di Preghiera e Riflessione Contro la tratta di persone è stata celebrata l’8 febbraio 2015, per volontà di papa Francesco.

In questi anni, riunirsi in preghiera ha facilitato la collaborazione e il superamento dei confini entro i quali ogni realtà si trova ad operare. Il grande dramma della tratta ci impone di oltrepassare ogni barriera per unire le forze e collaborare per il bene comune.  Il 12 Febbraio scorso, Papa Francesco ha ricevuto in Udienza un gruppo di giovani e di rappresentanti delle organizzazioni promotrici della Giornata Mondiale di Preghiera. Sollecitato dalle domande dei giovani, papa Francesco ha ricordato quanto fosse importante affrontare le cause profonde della tratta e si è augurato “che possiate inviare un messaggio ai leader ad ogni livello di governo, del mondo degli affari e della società, chiedendo l’accesso a un’istruzione di qualità e quindi a un’occupazione giusta e sostenibile.”

La ricorrenza della GMPT è l’8 Febbraio, memoria di Santa Bakhita, schiava sudanese divenuta poi suora canossiana e proclamata Santa nel 2000.

A Vicenza questa giornata verrà ricordata con una Veglia di Preghiera nella Chiesa di San Pio X alle ore 20:30 il giorno sabato 9 Febbraio. Insieme ad alcuni rappresentanti delle comunità dei Centri Pastorali dei migranti della Diocesi e delle parrocchie locali, ci uniremo in preghiera per i nostri fratelli e sorelle vittime della tratta. Letture, testimonianze e simboli accompagneranno questo momento.

La veglia si svolge in collaborazione con gli Uffici Diocesani di Migrantes, Caritas, Pastorale Sociale e del lavoro, Vita Consacrata; l’Unità Pastorale Madonna della Pace-San Pio X, le Suore Orsoline SCM, con l’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII, la Comunità Al Giordano, Presenza Donna e il Centro Astalli Vicenza; e con la partecipazione e testimonianza delle Figlie della Carità Canossiane.

2009-2019: Talitha Kum compie i suoi 10 anni

 

Oggi, 8 Febbraio 2019, memoria liturgica di Santa Bakhita, inizia la celebrazione dei 10 anni di Talitha Kum, che si concluderà nel mese di settembre 2019 con la prima assemblea generale di Talitha Kum.

Quest’anno è un tempo di grazia per la vita consacrata impegnata contro la tratta, nel quale siamo chiamate a ringraziare Dio per il percorso fatto, a verificare il nostro impegno e le azioni comuni e a guardare con coraggio e fiducia il nostro presente e il futuro, per comprendere la complessità della tratta in questo tempo difficile, dove tutto è in movimento e i diritti umani sempre meno tutelati.

Leggi tutto 
Vi invitiamo a inviare a Talith Kum un augurio per i suoi primi 10 anni
attraveso Whatsapp 
+39 349 935 87 44
o su Facebook