Look up ad Enego: portata dalla Storia

21
Giu

Nel salire al Colle dei Meneghini mi sono sentita portata dalla Storia.

Passo dopo passo, tornavo alle origini trentine della mia famiglia materna e  nei luoghi della Prima Guerra Mondiale combattuta da mio padre…Guardavo “negli occhi” le cime dei monti e lo sguardo arrivava quasi  fino al mare. Vicino a quel fazzoletto di prato con due casupole erano  passati pastori con i loro greggi e avevano sostato ambulanti e pellegrini, un intreccio di vite, fatiche e speranze.

In quei prati strappati al bosco, in quel verde che si confonde col cielo, sono le radici della famiglia di Madre Giovanna. Radici di una vita molto dura, fatta di povere cose e di una fede semplice.

Lei è una donna povera e fragile ma piena dei doni dello Spirito Santo, che le fanno comprendere  il disegno di Dio per lei.

La sua risposta fa la differenza: l’affidamento totale alla Provvidenza, alla Preghiera e alla devozione per San Giuseppe, sua guida.

Una risposta determinante per la sua crescita spirituale e umana, che, nonostante la povertà, l’ostilità anche all’interno della Chiesa, la fragilità della condizione femminile nella società del tempo, le consente di realizzare il suo sogno di fondare una Congregazione religiosa particolarmente a servizio della promozione della donna.

La fedeltà al carisma è oggi, la forza della nuova comunità, incarnata là dove vive del suo lavoro e opera nella carità e fraternità per amore di Cristo.

Claudia – gruppo AM.OR Monterotondo

2 Comments

  1. Paola
    21 Giu 2021 21:48:17 Rispondi

    Grazie Claudia per questo sguardo sul colle di madre Giovanna. Per chi, come me, non ha potuto essere presente, è un modo per immergersi, almeno col pensiero, nel suo mondo e sentirla ancora più vicina.

  2. Vittoria
    10 Lug 2021 06:14:46 Rispondi

    Ho partecipato alla passeggiata di sabato 12 giugno e leggendo questa tua testimonianza mi sono commossa per come l’hai descritta, ho sentito madre Giovanna vicinissima a me con la sua fede incondizionata nella Provvidenza.

Leave a Comment