Un sì rinnovato, quello di Giosy

24
Mag

Il 23 maggio è una data molto importante nella famiglia delle suore orsoline del sacro cuore di Maria: il giorno natale di madre Giovanna Meneghini è da sempre festeggiato come “fatto di famiglia” con affetto e gratitudine al Signore per quello che lei rappresenta tutt’oggi per molte vite.
Risulta pertanto una data scelta per tante tappe formative, spesso per le professioni perpetue, ma ultimamente è diventata una data che segna altre tappe, come i cammini di amici laici.
A Tor Lupara (diocesi Sabina-Poggio Mirteto), Giosy Rustico ha rinnovato le promesse emesse un anno fa, con le quali s’impegna a continuare il proprio cammino di sequela secondo le intuizioni del carisma ricevuto da madre Giovanna.
Siamo particolarmente contente di condividere con vuoi questa celebrazione nella memoria della nascita di Madre Giovanna il 23 maggio del 1868. Noi torniamo sempre con gioia e profonda riconoscenza alla memoria della nostra fondatrice che ci conduce alle sorgenti vivificanti della grazia delle origini. Attingiamo così alla singolarità, lo specifico della sua esperienza spirituale e apostolica in fedeltà creativa, la nostra vocazione orsolina. E siamo grate per il dono che è stata e continua ad essere per tutta la chiesa che la riconosce venerabile e quella parte di umanità che ancor oggi attraverso di noi, serve.
Memoria e offerta, vogliamo sostenere il sì generoso di Giosy che rinnova la sua promessa di seguire il Vangelo in adesione al carisma della nostra famiglia religiosa delle orsoline condividendo lo spirito che ci anima e la missione specifica che ci contraddistingue. Preghiamo per lei perché il Signore possa portare a compimento questo progetto di vita. E’ bello pensarci tutti incamminati verso un’unica meta che è l’amore di Cristo che ci ha chiamati alla vita e alla sua sequela ed è significativo anche essere in questa casa famiglia dove la diocesi ha chiesto la nostra presenza, un segno di carità concreta per tante donne che, pur vivendo dei drammi per la fragilità e difficoltà che incontrano, scelgono di dare vita, di generare al mondo.
Vogliamo allora celebrare questo grande mistero di un Dio che ci chiama alla vita e ci chiede di seguirlo sulla via di una pienezza d’amore!” 
Così si sono espresse le nostre sorelle della comunità di Monterotondo e Tor Lupara che accompagnano sin dall’inizio i passi di Giosy nella nostra famiglia religiosa.
Con lo stesso affetto e la medesima ferma speranza ci uniamo tutte alla gioia di questo ulteriore sì! Auguriamo a Giosy di continuare a seminare con larghezza di cuore tutto il suo entusiasmo per la vita e il vangelo nei diversi ambiti che la vita le ha affidato: come moglie, come madre, come insegnante…
Buon cammino, cara Giosy!

Leave a Comment