La famiglia si allarga! Il primo gruppo laicale emette le promesse di adesione al carisma.

21
Giu

La Festa del Cuor di Maria, festa della fraternità per il nostro istituto, ha in questo anno 2020 così travagliato una nota di grande gioia, un evento che mai si era verificato nel nostro Istituto: l’inizio del gruppo laicale che aderisce al carisma.

Da una decina d’anni in Italia e in Brasile ci sono gruppi che collaborano da vicino con le nostre comunità nella missione e nella vita spirituale. Da questa vicinanza è nata in alcune persone, donne e uomini, il desiderio di conoscenza della fonte da cui sgorga la missione, individuata in quel modo particolare di vivere il vangelo che fu di Madre Giovanna Meneghini. Il Cristo Servo, mite e umile di cuore, ha attirato sempre più questi laici e laiche a vivere uno spirito di servizio per la promozione del femminile evangelico, nelle tante rifrazioni di luce che splendono nelle azioni, nella preghiera, nella vita orsolina. Il dono dello Spirito santo di un carisma che vivifica la chiesa tutta, che trova sempre nuove espressioni di servizio vitale e sorgivo.

Per sette membri del gruppo Kàr.in, carisma insieme, l’intuizione vocazionale si è fatta sempre più chiara fino a giungere alla richiesta di emettere la promessa di adesione al carisma.

La cappella di casa madre nel pomeriggio del 20 giugno ha risuonato di emozione grande, pur nella distanziazione e nella limitata possibilità di partecipazione dei familiari e delle sorelle della congregazione, e anche dietro le mascherine i volti erano lucenti e gioiosi.

A partire dall’urna della fondatrice, il gruppo ha chiesto di vivere il battesimo nello spirito del carisma orsolino, incamminandosi con la lampada accesa in un simbolico pellegrinaggio che li ha portati a sostare qualche attimo davanti al mosaico del Cuor di Maria, donna dal cuore che custodiva e custodisce ogni vita.

Guidati da sr. Graziana, ricordando tutte le sorelle che hanno conosciuto, si sono lasciati accompagnare da don Giacomo Prandina, parroco di Breganze, ad accogliere la Parola di Dio, della chiesa e di madre Giovanna, esprimendo poi le loro riflessioni sui testi.

A raccogliere gli inviti delle parole ascoltate, sr. Maria Luisa Bertuzzo, superiora generale, che così si è rivolta al gruppo: “ Voi carissimi, Doriana, Mariaemma, Teresa, Resi e Tonino, Stefania e Luca, avete accolto un’altra chiamata alla santità e avete risposto. Avevate già dato altre risposte: dopo la vocazione per eccellenza, che è quella battesimale, alcuni hanno risposto con il matrimonio o con altre scelte di vita, con l’accoglienza dei figli. Poi è entrata madre Giovanna nella vostra vita e con lei un’altra chiamata ad ampliare la risposta alla santità. E questo ci ha portati ad essere qui, oggi, a dare una risposta che non è solamente nell’interiorità del vostro spirito, ma un impegno di vita di fronte ad una comunità.

In questo momento mi è caro aggiungere che le nostre consorelle ci stanno accompagnando dalle comunità che sono in Italia e Mozambico, e in Brasile insieme ai gruppi laicali. È un momento storico quello che andiamo a celebrare tra poco, nel senso che è il primo a dare ufficialità a questa forma di condivisione del carisma. Davanti a certi eventi non servono molte parole, ma la contemplazione silenziosa, che custodisce nel cuore. E l’augurio, che desidero esprimere a nome della Famiglia delle Orsoline, lo raccolgo dalle parole della venerabile madre Giovanna Meneghini: mentre riconosciamo la bontà infinita di Dio verso le sue creature, invochiamo dal suo cuore Divino ogni grazia necessaria per condurre secondo i suoi santissimi desideri l’opera che si va iniziando in suo onore. L’opera è il gruppo laicale Kàr.in!”.

La voce all’unisono e poi personale di ciascuno e ciascuna nell’emissione della formula della promessa è stata come una nuova melodia che è risuonata nella nostra famiglia religiosa: la melodia della vita laicale che allarga il cuore di questa “opera” voluta da Dio e animata dalla forza dello spirito in un carisma che fa davvero “abbracciare il mondo”!

 

Sr. Federica Cacciavillani

Leave a Comment