PRIMO INCONTRO CON DONNA CHIAMA DONNA

 

 

Ieri 20 febbraio 2018 noi volontarie del progetto “La Rosa dei venti 2017” (Gloria e Anna per Villa Savardo ed io per Presenza Donna) siamo andate al centro antiviolenza di Vicenza dove risiede l’associazione Donna Chiama Donna che gestisce quest’ultimo attraverso attività di ascolto e di orientamento per donne in difficoltà.

Ci siamo recate nella nuova sede, in Stradella dei Cappuccini, dove siamo state accolte con un grande sorriso e con molta cordialità; ci siamo presentate descrivendo il nostro servizio e lo stesso hanno fatto le volontarie e le operatrici di Donna Chiama Donna, confrontandoci sulle statistiche degli episodi di violenza sulle donne, sull’azione di prevenzione che svolgono attraverso una sensibilizzazione sulle questioni di genere nelle scuole (indagini con questionari e attività di sportello) e parlando anche di una nuova ed interessante realtà emergente dedicata agli uomini maltrattanti, ossia dei centri dove si affronta un percorso di “riabilitazione” per coloro che usano violenza cercando di capire da cosa scaturisce questo comportamento, per poi imparare a non usarla più.
Per me è stato un incontro bellissimo ma anche destabilizzante; strano che dica una cosa del genere, dato che l’attenzione alle donne è sempre presente nei miei articoli e nella mia quotidianità! Forse avendola osservata più da vicino mi ha, per così dire “scottato”, ma ciononostante il mio impegno civico e morale nella tutela delle donne e nella sensibilizzazione alla cultura di genere non mancherà MAI!
Questo incontro mi ha fatto ammirare la forza e il coraggio che hanno queste donne, psicologhe, avvocate e volontarie, al servizio di chi ha bisogno di essere difesa e tutelata; La loro gratuità e genuinità non sono molto visibili agli occhi chi di non ha mai conosciuto questa realtà, eppure una volta che la vedi ti rimane dentro, indelebile! Non svolgono un lavoro semplice ma sanno che è giusto farlo per aiutare quante più donne possibile a non vivere nella paura e per incentivare una società migliore di quella che stiamo vivendo attualmente… delle vere e proprie eroine contemporanee!
Grazie di cuore a tutte!
                                                                                                                                                              Laura